Storia di una Nobile Pera

La Pera Nobile di Maria Luisa
d'Austria

NOBILE DI PARMA è una mostarda delicata fatta con una antica pera coltivata gia dal 700 nell area del Ducato di Parma e Piacenza: la Pera Nobile. Chiamata cosi perchè considerata molto pregiata e destinata al consumo dei Nobili. Sopratutto  nell’800 la Pera Nobile conobbe larga diffusione, durante il regno della Duchessa Maria Luisa D’Aburgo Lorena.  Maria Luigia ( così chiamata a Parma)  fu una grande estimatrice di questo frutto: nata a Vienna, abituata agli abbinamenti salato-dolce tipici della cucina Austro-Ungarica, volle introdurlo come ripieno per i tortelli. Nel sapore c’è tutta la tradizione della cucina del territorio, un equilibrio agrodolce che richiama al palato i gusti antichi che la contaminazione  Austriaca portò nella tradizione culinaria Parmigiana. Nobile di Parma è ideale da degustare ad occhi chiusi ascoltando “Zaira” del maestro Vincenzo Bellini, Opera con cui la Duchessa Maria Lugia volle inaugurare nel 1829 il Teatro Reale di Parma, oggi Teatro Regio.

abbinamenti

In equilibrio fra passato e presente

Nobile di Parma è delicata e morbida, si accorda con tutti i formaggi stagionati, raggiunge combinazione armonica con il suo amato Parmigiano, suona magnificamente con i bolliti, arrivando alle note più intense  con i tagli più grassi e sapidi, si spinge a ripieno per tortelli in coro con burro e Parmigiano e puo’ essere “improvviso” con carpacci e tartare di pesce crudo.

800x1200 frutteto
Az. Agricola Salti Del Diavolo

Biodiversità Tradizione Montagna

 Nobile di Parma nasce da un progetto dell’ Azienda Agricola Salti Del Diavolo di Casaselvatica, frazione del piccolo comune di Berceto, in Provincia di Parma.

L’azienda ha inserito la cultivar Pero Nobile in un’area in cui si trovano ancora vecchi peri e  dove gli anziani si ricordano di quanto questo frutto fosse presente sulle tavole e apprezzato durante gli inverni

L’azienda agricola Salti Del Diavolo è attenta alla Biodiversità : nel suo frutteto oltre alla Pera Nobile si coltivano mele di varietà antiche , come la Mela Musona, la Mela Rosa, la Mela Ruggine e una varietà autoctona di Susina.

Il lavoro nel frutteto segue il disciplinare biologico: questo aspetto insieme alle condizioni difficili del territorio, che non consente la meccanizzazione del lavoro e  impedisce l’ingresso in campo in molti periodi dell’anno , influisce in modo importante sulla resa delle coltivazioni.

Ecco perchè assaporare Nobile di Parma significa entrare in contatto con un piccolo e raro frammento di storia e cultura.

Riproduci video
Add to cart